Come si individuano le Resistenze e i Supporti statici del tipo "P"



Chi avvicinandosi al trading non si è mai imbattuto nei concetti di supporti e resistenze? Questi due strumenti sono infatti alla base dell' analisi tecnica, che assieme all'analisi fondamentale è essenziale per fare delle previsioni corrette di mercato (per questo bisogna sfruttarle sempre e in modo congiunto).


Adesso cercheremo di affrontare in modo semplice il discorso riguardo l'utilità di supporti e le resistenze statiche del tipo "P", e come si tracciano sui grafici.


Cominciamo dandone la definizione di base.

Il supporto è il livello di prezzo dove si creano tensioni che impediscono un ulteriore RIBASSO.

La resistenza è il livello di prezzo al quale si creano tensioni che impediscono un ulteriore RIALZO.

Si può quindi dire che sia l'uno che l'altro contrastano la prosecuzione del trend in atto, perché i prezzi ci "sbattono" contro e rimbalzano, mandando in confusione i trader meno esperti.


Partiamo subito con una differenza concettuale: ci sono due tipi di supporti/resistenze.

A) STATICI, nel caso in cui queste barriere non cambiano con l’avanzare del tempo, per cui in sostanza sono delle linee rette orizzontali.

Possono essere tracciate congiungendo i punti in cui i prezzi hanno "rimbalzato" più volte.

Ma possono anche essere frutto di calcoli su base aritmetico/statistica (sono un tipico esempio i ritracciamenti di Fibonacci o le onde di Elliott).

Tramite questi calcoli, spesso sul grafico non viene disegnato un solo livello di supporto/resistenza, ma diversi livelli che sono via via sempre più importanti.

Ecco come possono presentarsi:


In analisi tecnica possiamo individuare tre tipologie di supporti /resistenze statiche , queste tipologie sono:


Primari

Secondari

Terziari


Nel metodo che insegniamo nella Trading Academy "Marton One bootcamp", queste tre tipologie di supporti o resistenze coincidono con i livelli forniti dalla sequenza di Elliott.

Il Supporto "Primario" è quel supporto che una volta violato determinerà una vera e propria inversione del trend rialzista, mentre la violazione di una resistenza "Primaria" darà il via ad un trend positivo.

Nell'immagine ad inizio articolo, vediamo in azione due strumenti della tecnologia "Marton one", il primo MF1 il secondo il pluripremiato M-M1. Grazie alla capacità di M-M1 di disegnare sul grafico la sequenza di Elliott possiamo facilmente individuare i supporti e le resistenze primarie, secondarie e terziarie.

Nel grafico la trendline di colore nero è il supporto primario del movimento in corso e l'eventuale rottura confermerà il cambio di tendenza mentre, rispettivamente la trendline di colore Blu e il secondario e la trendline Rossa e il terziario ma del loro utilizzo ne parleremo in un altro articolo.